Area Euro: nessun segno di ripresa dei consumi

Scritto il alle 14:07 da [email protected]

Il miglioramento degli indici di fiducia delle imprese dallo scorso mese di aprile è stato considerato il segnale che l’economia dell’area Euro possa avere superato il proprio punto di minimo. Il miglioramento dell’indice di fiducia economica dell’area Euro in ottobre – da 96.9 al massimo dall’agosto ’11 di 97.8, contro attese a 97.2 – è un’indicazione che la ripresa può proseguire in Q4, anche se ad un ritmo basso. Il valore dell’indice, infatti, è in linea con una crescita del Pil dello 0.1/0.2% q/q in Q4.

Tuttavia i dati sui PMI retail hanno evidenziato come le spese per consumatori potrebbero restare deboli ancora a lungo. Come si vede dalla tabella e dai grafici in pagina, tutti gli indici, con l’eccezione di quello tedesco, sono sotto la soglia di 50, anticipando un calo dei consumi, e sono scesi rispetto ai mesi precedenti. Anche l’indice tedesco, seppure sopra 50, è sceso al minimo dagli ultimi 5 mesi. Fino a quando anche i consumi non recupereranno, la ripresa dell’area Euro non potrà che esse modesta. 

Cerchi idee su come investire o analisi per farti un’opinione sulle prospettive dei mercati? Prova qui la nostra newsletter settimanale “Top Down Outlook”.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal network di Finanza.com
Oggi faremo un quadro di lungo periodo sul futures Dax. Rispetto al precedente aggiorna
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/2119
FTSE Mib: Apre in lieve ribasso il listino italiano dopo aver evidenziato ieri una sedut
Come già detto negli ultimi giorni continuiamo ad ignorare i dati provenienti dall'ec
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/2119
Per informazioni e prenotazione del corso: Ing. Francesco Filippi ilrespirod
Oggi rinnoviamo la previsione del FTSEMIB nel medio lungo periodo. Come possiamo vedere
Lo abbiamo scritto più volte, le banche centrali, sono le principali responsabili di
FTSE Mib: il listino italiano oggi in apertura conferma il rimbalzo delle due sedute prece
A conclusione del confronto svolto con le Organizzazioni sindacali sugli interventi di nat